COMUNICAZIONE  >> comunicati stampa

16/06/2022


Premiato negli Stati Uniti il ricercatore siciliano Roberto Di Gesù: un materiale innovativo per la cura delle patologie degenerative muscolo-scheletriche

Palermo, 16 giugno 2022 – Un innovativo biomateriale in grado di apportare enormi benefici nella riparazione tissutale in ambito ortopedico. È questo il progetto di ricerca di Roberto Di Gesù, Principal Investigator della Fondazione Ri.MED, vincitore della Grant Tank session nell’ambito della TOBI Conference che si è svolta ad Hollywood. Lo studio, sviluppato insieme al prof. Riccardo Gottardi - Responsabile del Laboratorio di Biomateriali al Children's Hospital di Philadelphia – ha sbaragliato tutti i concorrenti.
 
Centinaia di milioni di persone nel mondo soffrono di osteoartrite e di patologie degenerative di stampo simile, condizioni debilitanti che hanno un impatto enorme sulla qualità della vita dei pazienti e sui sistemi sanitari nazionali. “Il nostro biomateriale” spiega Di Gesù “consentirà di ottenere un drastico miglioramento del quadro clinico post-chirurgico, con un notevole impatto positivo sui tempi di recupero e sull'efficacia della riparazione tissutale nel lungo termine”.
 
L’OrthoBiologic Institute organizza ogni anno la “TOBI conference” con lo scopo di creare un network professionale altamente specializzato, con più di 1000 partecipanti tra chirurghi ortopedici, ricercatori ed aziende operanti nel campo dell’ortobiologia provenienti da tutto il mondo: un network eterogeneo che offre grandi opportunità di visibilità per nuovi progetti scientifici, fornendo contestualmente i più importanti unmet clinical needs (bisogni clinici) nel campo della medicina del tessuto muscolo-scheletrico.
 
Nell’ambito di questa manifestazione, la Fondazione Orthoregeneration Network ha selezionato un progetto innovativo che più di tutti potesse rispondere all’esigenza di individuare terapie capaci di indurre la rigenerazione tissutale dei distretti muscolo-scheletrici. I tre finalisti selezionati sono stati invitati ad esporre il proprio progetto di ricerca durante una shark-tank battle, un testa a testa di fronte ad una giuria di esperti presieduta dal Prof. Arnold Caplan, il padre delle cellule staminali mesenchimali.
 
Roberto Di Gesù, Principal Investigator della Fondazione Ri.MED, ha dichiarato: “Questa vittoria ha un enorme valore per la nostra ricerca, soprattutto tenendo conto del calibro dei due finalisti con i quali ci siamo trovati a competere, esponenti del Campus Biomedico di Roma e della Medical School di Harvard. Avere ottenuto il consenso di scienziati del calibro di Caplan, offre importanti conferme circa la solidità scientifica del progetto e la sua potenzialità di sviluppo futuro. Grazie al supporto di Ri.MED, inizieremo immediatamente l’iter necessario ad ottenere il brevetto del nostro biosistema, per portare Palermo al centro del mondo dell’ortobiologia!
 
Continuano dunque i riconoscimenti internazionali per il lavoro della coppia di scienziati Di Gesù-Gottardi: meno di 2 mesi fa, infatti, gli esperti indipendenti del programma “Innovation Radar” - istituto dalla Commissione Europea - hanno valutato la piattaforma di test meccanici per l'ingegneria della cartilagine da loro ideata quale “Key innovation ad alto potenziale di mercato”, decretando Ri.MED un “innovatore chiave” a livello europeo.
 
“Il riconoscimento internazionale ottenuto dal Dr. Di Gesù, il secondo quest’anno, dimostra ancora una volta il livello di innovazione che Ri.MED è in grado di fornire” spiega Paolo Aquilanti, Presidente della Fondazione Ri.MED. “Il portfolio brevetti in continua crescita e le opportunità di trasferimento tecnologico che ne derivano, rappresentano i primi risultati tangibili volti al miglioramento delle condizioni di salute dei pazienti, obiettivo prioritario del lavoro che Ri.MED svolge quotidianamente insieme all’IRCCS ISMETT e al partner UPMC: un cluster in grado di contribuire anche allo sviluppo economico del Sud Italia.”



 
Fondazione Ri.MED
Traslazionalità e sostenibilità della ricerca, una sfida che si gioca sulla capacità di tradurre velocemente i risultati scientifici in applicazioni cliniche. Queste le core competencies della Fondazione Ri.MED, nata dalla partnership internazionale fra Governo Italiano, Regione Siciliana, CNR, University of Pittsburgh e UPMC. I programmi di ricerca Ri.MED sono focalizzati sulle applicazioni terapeutiche: l’obiettivo è creare valore per il paziente. Ri.MED possiede un portfolio progetti diversificato, con decine di brevetti e obiettivi di sviluppo nell’ottica bench to bedside, resi possibili anche grazie all’integrazione strategica con l’IRCCS ISMETT.  La Fondazione Ri.MED conta oggi 76 ricercatori, di cui il 62% donne: siciliani rientrati grazie a Ri.MED, ma anche stranieri che riconoscono alla Fondazione e al progetto del CBRB un gratificante appeal professionale.    
 
Roberto Di Gesù è Principal Investigator della Fondazione Ri.MED in ingegneria del tessuto muscolo-scheletrico. Il suo principale interesse scientifico è il trattamento dei disturbi osteoarticolari, utilizzando approcci innovativi basati su tecnologie avanzate di ingegneria tissutale.
Dopo la Laurea specialistica in Industrial Pharmacy e il PhD in Drug Delivery e ingegneria tissutale presso l’Università di Palermo, nel 2018 viene selezionato dalla Fondazione Ri.MED per una borsa di studio post-doc di 2 anni per approfondire i suoi studi, anche grazie alle esperienze negli USA sotto la guida del Prof. Gottardi, prima presso l’Università di Pittsburgh e poi al Children’s Hospital of Philadelphia.
Da oltre due anni lavora a Palermo nel team Ri.MED di Medicina Rigenerativa, dove dal 2022 ricopre il ruolo di Principal Investigator in ingegneria del tessuto muscolo-scheletrico.

Torna

In Evidenza

In Evidenza

Sostieni La Ricerca


dona il tuo 5 x mille