dove si svolge

Presso i laboratori del CBRB saranno sviluppate competenze e piattaforme tecnologiche nel campo delle biotecnologie e della ricerca biomedica, focalizzate sulla scoperta e lo sviluppo di nuovi farmaci, diagnostici, vaccini e dispositivi biomedicali in aree quali le neuroscienze, l’oncologia e le malattie cardiovascolari.
Il CBRB intende inoltre porsi come centro di eccellenza per l’ingegneria dei tessuti e per la medicina rigenerativa, un’area di particolare interesse in cui si stanno specializzando diversi nostri ricercatori.

In attesa che il CBRB sia ultimato, i nostri ricercatori svolgono la loro attività di ricerca in diversi centri dislocati tra Stati Uniti ed Europa, principalmente nelle città di Pittburgh e Palermo.

    

Dal 2007 la Fondazione sponsorizza una fellowship post doc di ricerca biomedica - il Ri.MED Fellowship Training Program - che include un periodo di formazione presso l’Università di Pittsburgh. Mediante la Fellowship La Fondazione intende potenziare la formazione di ricercatori indipendenti su temi di ricerca di base. I Fellows effettuano inizialmente una rotazione attraverso alcuni laboratori a Pittsburgh, prima di scegliere formalmente un «mentor» che li seguirà per tutto il corso del progetto di ricerca. Accanto all’attività scientifica, i ricercatori accedono a corsi di Leadership e Management Scientifico, che li aiuteranno nello sviluppo della loro carriera. Il Comitato Scientifico della Fondazione è incaricato di valutare annualmente i progressi della ricerca e gli obiettivi di carriera di ciascun borsista, decidendo la prosecuzione o meno dei progetti di ricerca: i più meritevoli continuano l’attività in seno all’università americana, oppure presso centri europei di eccellenza nella specifica area di ricerca. (i ricercatori rientrati in Europa si trovano attualmente presso: Università di Rotterdam, Università di Zurigo, Università “La Sapienza”di Roma, Università di Palermo e IBIM - CNR "Alberto Monroy"). Il collegamento diretto al network internazionale contribuisce alla formazione di questa leva di ricercatori che saranno “principal investigator” presso il realizzando Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica.